Dopo G+ Google lancia Space

10Mentre alla Google ancora si cerca di capire quale sarà la sorte che toccherà a G+, sul mercato viene lanciato Spaces, una nuova app che tenta di rilanciare il lavoro sulle piattaforme social di Google. Questa nuova app, che ha come sottotitolo “piccoli gruppi che condividono tutto”, è consente di creare gruppi di discussione su temi specifici nei quali coinvolgere i propri contatti.

Spaces non avrà solo lo scopo di rimpiazzare lentamente G+, ma vuole anche introdurre delle funzioni nuove. Infatti, la sua più grande novità è la presenza nell’app della Ricerca Google, Chrome, Foto e Youtube, una specie di app nell’app che consente di condividere contenuti senza passare da un’app all’altra ma rimanendo sempre dentro Spaces. Ogni contenuto ha uno spazio di conversazione dedicato e un link rapido da inviare tramite email ai propri contatti. Una funzione di ricerca interna permette di trovare più facilmente precedenti gruppi e contenuti. Una bella semplificazione per offrire una maggiore facilità negli scambi comunicativi. In qualche modo, insomma, la semplificazione che Google tentava di dare a G+ ma che sembrava impossibile da applicare, al punto che creare qualcosa di nuovo sembra avrebbe richiesto minori limiti e sfruttare maggiormente la creatività.

473 days ago

Foto a 360° su Facebook

1Novità dalla realtà virtuale! Sta per essere integrata da Facebook una nuova funzionalità che permette di caricare foto scattate a 360°, spianando al strada anche ai nuovi video in 360°, che rappresentano di sicuro il prossimo passo in fatto di nuovi contenuti.

È stato infatti annunciato, per ora, che tra poco gli utenti potranno caricare su Facebook le loro foto a 360° e per visualizzarle basterà utilizzare lo stesso meccanismo nei video: ruotare il telefono intorno a sé oppure scorrere col dito sullo schermo nella direzione che si preferisce. Per entrare ancora di più nella dimensione del 360°, inoltre, Facebook ha garantito un’apposita sezione per l’app su Oculus. Un’introduzione, questa, che segna per l’ennesima volta un impegno da parte di Facebook verso il settore della realtà virtuale, implementando anche dal punto di vista tecnologico grazie al lancio di alcuni nuovi mezzi, tra i quali Surround360, una videocamera a forma di disco volante con 14 lenti grandangolari da 77 gradi ognuna e due fisheye in alto e in basso da 185 gradi, innovando sotto tutti i punti di vista e anche quello degli ormai popolarissimi selfes, con un primo selfie nella realtà virtuale scattato su una foto in 360° con Londra a fare da sfondo.

482 days ago

Facebook: da oggi video nei commenti

Facebook sta per introdurre la possibilità di inserire video nei commenti ai post. Già da tempo ormai, l’introduzione delle foto nei commenti ha avuto modo di aprire a diverse modalità di interazione tra utenti.

La nuova funzione trae ispirazione proprio da qui, con un lavoro da tempo ormai in via di sperimentazione con l’obiettivo di rendere ancor più completa una delle modalità di scambio di pareri e umori del social network più utilizzato di sempre. E infatti, con un meccanismo analogo a quello con il quale si inseriscono le foto, sarà possibile rispondere a commenti caricando dei video. La nuova funzione, ancora in fase sperimentale, è stata lanciata in alcuni paesi, tra cui l’Italia.

Insomma, un altro step in avanti da parte di Facebook nella diffusione di questo tipo di contenuti per ampliare sempre di più le possibilità di interazione dei suoi utenti. Alla funzione si accede cliccando sull’icona della macchina fotografica che appare in basso accanto allo spazio per commentare, ma una delle novità introdotte è che questi video, a differenza di quelli che appaiono tra i new feed, non verranno riprodotti automaticamente ma bisognerà avviarli singolarmente. Questa funzione è disponibile via web ma anche su qualsiasi altro supporto come iOS e Android, dunque da smartphone e tablet.

490 days ago

Video in diretta: l’applicazione Facebook che vi mostra cosa è in diretta e dove

Molto probabilmente diversi utenti Facebook si sono accorti dell’apparizione, sul lato sinistro della Home, di una nuova applicazione. Stiamo parlando di Video in diretta, una nuova funzionalità di Facebook che vi permette di vedere video in diretta, trasmessi dagli utenti, geo localizzati su una mappa globale.

Vi basterà andare con lo sguardo sul lato sinistro, nella barra laterale fino alla voce Applicazioni. Lì troverete questa app che vi mostrerà immediatamente tanti puntini sparsi su una mappa dai quali, andandoci sopra con il puntatore del mouse, apparirà la miniatura della diretta che si sta diffondendo. Provate a dunque a dare uno sguardo e vi accorgerete di quanto succede in ogni momento in tante città situate in tutto il mondo, anche se ancora non in tutte. La cosa che salta all’occhio come prima cosa è che ci sono più live streaming di quanti ce ne si possa immaginare. Un’applicazione che di sicuro suscita curiosità e anche qualche questione sulla privacy.

Sulla mappa sono condivisi i live stream pubblici, e dunque appaiono anche quelli di persone che non rientrano nella lista di amici. Ecco perché allora, se volete che le vostre dirette restino nella vostra cerchia, ricordatevi di modificare le impostazioni di condivisione e non avrete problemi.

491 days ago

Twitter verso l’esclusione di link e foto dal conteggio dei caratteri.

In casa Twitter da molto di discute sulle possibilità di in merito alla questione “enlarge your tweet”. Rendere la possibilità ai propri utenti di non ridurre il potenziale espressivo e contenutistico attraverso i suoi 140 caratteri è sotto l’attenzione degli sviluppatori della piattaforma social da diverso tempo. Già da tempo si era parlato di consentire di allungare, all’occorrenza, lo spazio disponibile per la scrittura dei propri post.

Negli ultimi tempi varie soluzioni sono state vagliate ma ancora nulla è stato reso definitivo, spingendo Twitter a sondare ancora diverse modalità per raggirare il sistema del conteggio dei caratteri impiegati in un post. La questione, nello specifico, è stata sollevata dalla quantità di spazio che i link richiedono all’interno di un post, arrivando a stabilizzarsi attorno ai 20-30 caratteri per link.

Questa dell’esclusione dal conteggio dei caratteri dei link, spesso lunghissimi, di pagine e delle foto potrebbe essere una soluzione utile per far in modo di non intaccare i caratteri messi a disposizione per introdurre i contenuti che si vogliono condividere sul proprio profilo. Twitter non vuole di certo perdere l’identità costruita e rappresentata dai suoi 140 caratteri, ma di certo garantire il massimo del potenziale espressivo è qualcosa che sta a cuore a tutta l’azienda, tanto da spingerla a vagliare questa e altre soluzioni ancora prima di rendere il tutto effettivo.

493 days ago