Ecco i Robot al servizio della legge

L’immagine è presa dal sito ufficiale del progetto della DARPA: l’immagine propone robot utili in caso di situazioni estreme per gli esseri umani, come fughe di gas, esplosioni in centrali nucleari o chimiche, disastri naturali…però non bisogna dimenticare che è un progetto anche con scopi bellici.

Film come Robocop presto potranno essere realtà, con tutti i pro e i contro che nascondono dietro. Forse si realizzerà il sogno di molti di avere macchine intelligenti che facciano i lavori più pericolosi e faticosi, ma potrebbe anche sorgere l’incubo di poliziotti e militari sostituiti da robot senza coscienza che possano essere usati per azioni sanguinose e repressive.

La recente catastrofe causata a New York dall’uragano Sandy ha “ufficialmente” dato una spinta al programma del Pentagono di costruire androidi dotati di diverse abilità fisiche e chip potenti capaci di effetuare misurazioni ed azioni estremamente complesse.

La DARPA (Agenzia Statunitense per i Progetti di Ricerca Avanzata per la Difesa) ha firmato un contratto di 10,9 milioni di dollari con Boston Dynamics Inc. per portar a termine entro il 2014 la costruzione di questi robot umanoidi più intelligenti e più robusti dei prototipi attualmente disponibili. Inoltre ha stanziato altri 7 milioni di dollari per il progetto AVATAR per sviluppare algoritmi che permettano una interazione tra la macchina e soldato umano. Il progetto mira a creare una interfaccia che permetta il controllo del robot attraverso i movimenti e i pensieri del soldato, in modo che possa agire in sostituzione del soldato in determinate situazioni di alto rischio.

I campi di applicazione sono infiniti e indubbiamente pensare a un robot capace di muoversi agilmente, forte quanto o più di un uomo, ma molto più preciso, con mani e dita articolate, e sensori che possono localizzare facilmente battiti cardiaci, respirazione, movimenti, sarebbero utilissimi per esempio in caso di disastri in cui c’è necessita di localizzare superstiti, ad esempio sotto delle macerie, in una valanga di neve, in un edificio in fiamme. Immaginate però un soldato robot così potente e autonomo usato per reprimere manifestazioni programmato per colpire i manifestanti e bloccarli, o un robot in missione di guerra che mandato a “ripulire” un luogo potenzialmente pericoloso e infestato da nemici, obbedisce all’ordine e fa fuoco anche se nel luogo sospetto c’erano solo donne, bambini ed anziani. Tale livello di tecnologia apre un dibattito etico anticipato già decenni fa dagli autori di fanascienza come Isaac Asimov.

Se una macchina può effettuare certi compiti in modi migliori di un essere umano grazie a sensori, forza, precisione e impassibilità, in certe situazioni la sua mancanza di una COSCIENZA e di ETICA potrebbe generare situazioni spiacevoli.  Ci si augura che queste situazioni vengano contemplate dagli sviluppatori e che certe situazioni vengano prevenute prima di vedere i robot soldati per strada.

In ogni caso sembra che ci voglia ancora un po’ prima che inizi la produzione massiva di queste macchine: i prototipi attuali ancora non sono soddisfacenti e si deve ancora migliorare cose come ad esempio l’articolazione delle dita delle mani, necessaria se si vuole un robot veramente versatile e progettare software che possano gestire le percezioni sensoriali degli androidi che avranno molti più sensi dei nostri! Inoltre anche il costo non indifferente dei soli prototipi scoraggia qualsiasi produzione in serie, per fortuna. Per qualche anno non vedremo Robocop o Terminator per strada e potremo approfittare del tempo per convincere chi ci governa ad impostarli ed usarli per operazioni di Protezione Civile e non per azioni violente. In questi casi sarebbero utilissimi e farebbero la differenza.

Vincenzo Romano

Da anni freelance nel settore della comunicazione e del marketing sia offline che online, con diverse esperienze in diversi campi dagli eventi ai social media, dalle relazioni pubbliche al copywriting. Da piccolo voleva fare l'archeologo, da grande lo scrittore. Seguimi su e Pinterest.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterPinterest

2328 days ago